Post

Visualizzazione dei post da Novembre, 2014

L'Arcivescovo di Semarang: “Servire il bene comune, al di là del credo religioso”

Immagine
INDONESIA, Giacarta (Agenzia Fides) – “Chi ricopre un incarico politico e istituzionale è chiamato a servire il popolo e a promuovere il bene comune, al di là del suo personale credo religioso o dell’appartenenza etnica. E i cittadini devono scegliere i leader per le loro capacità, competenze, professionalità, non per la religione”: è quanto ha detto all’Agenzia Fides Sua Ecc. Mons. Johannes Pujasumarta, Arcivescovo di Semarang e Segretario generale della Conferenza episcopale dell'Indonesia, all’indomani della decisione del governo di Joko Widodo di nominare governatore di Giacarta il cristiano protestante Ahok, finora vice-governatore. Ahok ha assunto l’incarico il 19 novembre.
Quando ha lasciato la carica di sindaco di Solo (città a Giava centrale), l’attuale presidente Joko Widodo, musulmano, ha nominato al suo posto il vicesindaco cattolico Fransiskus Xaverius Rudi Hadiatmo. Così nel ruolo di governatore di Giacarta, lasciato da Jokowi per assumere la presidenza della naz…

Entrevista a Fray Martin Kmetec, director de Obras Misionales Pontificias de Turquía habla sobre el viaje del Papa a Turquía y la situación de la Iglesia Católica en este país

Immagine
El Papa Francisco comienza hoy una visita a Turquía, que durará hasta el 30 de noviembre. Martin Kmetec, director de OMP Turquía, representa una de las instituciones eclesiales presentes en este país, donde la Iglesia Católica no es reconocida como persona jurídica, y en el que los católicos son una minoría. Escéptico respecto a los cambios que podría traer al país esta visita papal, reconoce que con ella, Turquía será durante unos días el centro de la atención mundial.


El cristianismo es una religión minoritaria en Turquía. ¿Cuál es la situación de la Iglesia Católica en Turquía? ¿Qué percepción tiene la gente de los cristianos? Turquía tiene más de 75 millones de habitantes, la mayoría de ellos son musulmanes; pertenecen a la familia Sunna y Shia, llamados “Alevi”. Los cristianos en Turquía son menos de 100.000. Pertenecen a las Iglesias ortodoxas: Iglesia ortodoxa griega e Iglesia ortodoxa armenia y asiria. Los católicos son en su mayoría católicos latinos, y algunos c…

Dalla prima domenica di Avvento: dodici giorni di preghiera per la pace

Immagine
MESSICO, Città del Messico (Agenzia Fides) – I Vescovi del Messico invitano a pregare e a lavorare per la pace nel paese. Il comunicato della Conferenza Episcopale messicana, inviato anche all’Agenzia Fides, ha per titolo "Preghiamo e lavoriamo per la pace", e viene diffuso mentre il paese sta vivendo una situazione di grave tensione e crisi.
"Il nostro paese è in crisi. Questo ci fa male e ci riguarda tutti. La disuguaglianza, l'ingiustizia, la corruzione, l'impunità, la complicità e l'indifferenza ci hanno fatto precipitare nella violenza, nella paura e nella disperazione" si legge nelle prime righe del comunicato. Per questi motivi i Vescovi propongono che dal 30 novembre al 12 dicembre (per 12 giorni) tutti i messicani si uniscano in preghiera per la pace nel paese. Così giungeranno alla festa della Madonna di Guadalupe, il 12 dicembre, chiedendo la conversione dei messicani e, in modo speciale, di quanti provocano sofferenza e morte. Venerdì 12 d…

In discussione la legge sull’attività mineraria, i Vescovi chiedono rispetto per l’ambiente

Immagine
ARGENTINA, Comodoro Rivadavia (Agenzia Fides) – Il rispetto responsabile dell’ambiente, in quanto parte della creazione, è stato ribadito dal Vescovo di Comodoro Rivadavia, Sua Ecc. Mons. Joaquín Gimeno Lahoz, insieme al suo Vescovo ausiliare, Sua Ecc. Mons. Fernando Croxatto, e dal Vescovo della prelatura di Esquel, Sua Ecc. Mons. José Slaby. I presuli sono rimasti sorpresi e delusi dal modo in cui, il 25 novembre, è stato discusso il disegno di legge che riguarda l'ambiente.
"Incoraggiamo e ringraziamo Dio per tutti gli uomini e le donne della provincia che stanno lottando per costruire un popolo con un futuro di solidarietà e di fraternità" si legge nella nota pervenuta all’Agenzia Fides, allo stesso tempo i Vescovi si uniscono a quanti lottano perché la terra sia custodita in modo responsabile.
Tale forte reazione delle comunità è dovuta anche alla diffusione sui media della foto di un deputato ritratto mentre si scambia degli sms con il rappresentante di una impr…

Bartolomeo I: «Con Francesco per l'unità»

Immagine
Al Fanar tutto è ormai pronto per l’arrivo del "Vescovo fratello della Prima Roma". Qui nell’antica sede del Patriarcato ecumenico di Costantinopoli i rumori del traffico si spengono. Solo la voce del muezzin della moschea accanto spezza il silenzio. In queste mura secolari appena restituite dai restauri al loro disegno originario, il fratello della Chiesa d’Oriente Bartolomeo accoglierà papa Francesco. Di cosa parleranno? Le parole del patriarca ci portano dritti alle sorgenti, «alla fonte che illumina la Chiesa». Indicano «una teofania nuova nella vita della Chiesa», con lucidità si soffermano «sullo spirito mondano», «sull’autoaffermazione» come «radici ultime della divisione» e della mancata unità, rivelando il profondo sensus ecclesiae che lo unisce al vescovo di Roma. È la vigilia della festa dell’apostolo Andrea ed è proprio nella comune memoria del primo chiamato che papa Francesco e il patriarca Bartolomeo si sono dati appuntamento per guardare insieme avanti.

Sant…

Comunicazione nella cultura dell’incontro, Assemblea dei vescovi del Centro America

Immagine
Managua, 60 vescovi sono riuniti a Managua da ieri, lunedì 24 novembre, nell'Assemblea annuale del Segretariato Episcopale dell'America Centrale (SEDAC).
In questo importante incontro è stato svolto un breve corso di comunicazione tenuto dal Pontificio Consiglio per le Comunicazioni Sociale e dal Dipartimento di comunicazioni del Consiglio dell'Episcopato Latinoamericano (CELAM). Nella nota inviata a Fides, il presidente del SEDAC, Mons. José Domingo Ulloa Mendieta, O.S.A., arcivescovo di Panama, ha ringraziato la presenza del Presidente del Pontificio Consiglio per le Comunicazioni della Santa Sede, Mons. Claudio Maria Celli, e del Presidente del Dipartimento per le Comunicazioni del CELAM, Mons. Adalberto Martínez, e tutto il team di specialisti che parteciperanno al corso durante questi giorni. "Per noi è importante questo corso di comunicazione, per formarci in questa cultura dell'incontro e della cultura digitale, nell'esercizio del nostro ministero epis…

We exist on the internet...

Immagine
An article of The Scotsman by Ronnie Convery

Internet should be seen not as an enemy of faith

We must embrace and live within the web, says Ronnie Convery
I HAVE always found book launches rather pleasant affairs. Usually a glass of warmish white wine (from a box), a pile of shiny new paperbacks to be signed and a proud author displaying many of the traits of a new parent cradling a first born.
As a newbie to the world of book writing, my journalistic mind thinks of a long read as a 2,000-word spread. I found it vaguely indulgent to be allowed to not only plant, but propagate ideas that had been growing in the compost at the back of my mind for some time – ideas relating to education and religion and how they are coping with their new noisy neighbour the internet. Thus was born a collaboration with two co-authors from the University of Glasgow, Leonardo Franchi and Raymond McCluskey leading to the launch of Reclaiming the Piazza published last month by Gracewing.
Our launch was singul…

Oltre 100.000 cattolici dispersi a causa di Boko Haram, “ma noi rimaniamo per testimoniare con la nostra presenza” dice un sacerdote di Maiduguri

Immagine
NIGERIA, Abuja (Agenzia Fides) - Sono oltre 100.000 i cattolici costretti alla fuga dalle aree controllate da Boko Haram nella Nigeria del nord. Lo riferisce all’Agenzia Fides p. Gideon Obasogie, responsabile delle Comunicazioni Sociali della diocesi di Maiduguri (capitale dello Stato di Borno) Migliaia di sfollati si sono rifugiati nelle grotte delle montagne, riferisce il sacerdote a Fides, solo pochi sono riusciti a scappare a Maiduguri e a Yola. 
“Un gran numero di nigeriani sono intrappolati e costretti a seguire la stretta interpretazione delle regole della Sharia in diverse città come Bama, Gwoza, Madagali, Gulak, Shuwa, Michika Uba e Mubi. Si tratta di cittadine collocate lungo la strada che collega Maiduguri e Yola allo Stato di Adamawa” afferma p. Obasogie. “I terroristi hanno dichiarato che tutte le città conquistate fanno parte del Califfato islamico”.
“Mubi - spiega il sacerdote- è una comunità a maggioranza cristiana ed è il secondo centro commerciale nello Stato di Adamaw…

Rappresentanti di tutte le religioni visitano la sinagoga dell'attentato. Il Patriarca Twal: mai più violenza nei luoghi di preghiera

Immagine
TERRA SANTA, Gerusalemme (Agenzia Fides) – I capi e i rappresentanti delle comunità religiose presenti in Terra Santa si sono recati questa mattina in visita alla sinagoga di Gerusalemme che ieri è stata teatro di un sanguinoso attacco terroristico, per esprimere solidarietà alla comunità colpita e condannare insieme tutti gli atti di violenza che non risparmiano i luoghi di preghiera. Alla visita hanno preso parte leader e rappresentanti cristiani, musulmani, drusi e ebrei. Tra i diversi interventi, per i capi delle Chiese cristiane presenti ha preso la parola il Patriarca greco-ortodosso Thephilos III, mentre per i musulmani ha parlato il Mufti di Akko. “Gli interventi - riferisce all'Agenzia Fides il Patriarca latino di Gerusalemme, S.B. Fouad Twal, che ha preso parte alla visita - hanno ripetuto con forza che nessuna ragione e nessuna intenzione di carattere politico possono giustificare la violenza contro persone in preghiera e assalti a luoghi dedicati al silenzio e all'…

I Vescovi sostengono “una riforma educativa per il bene della nazione”

Immagine
CILE, Santiago (Agenzia Fides) – "Una riforma educativa per il bene del Cile" è il titolo del documento della Conferenza Episcopale del Cile presentato ieri, 18 novembre, pervenuto all’Agenzia Fides, che espone il contributo della Chiesa a questo progetto di riforma, in discussione al Senato cileno. I Vescovi affermano che è indispensabile la costruzione di un sistema più equo, per favorire livelli più alti di integrazione e inclusione. "Sebbene non siamo d'accordo su diversi aspetti del modo di fare la riforma educativa – scrivono -, data l'assenza di chiare premesse sulla natura, gli scopi e i principi di una autentica educazione, vogliamo contribuire con delle proposte in modo responsabile. Quindi ci uniamo alla riflessione e al contributo di tutti gli altri settori che hanno fatto dell'educazione un servizio riconosciuto e significativo per la nazione".
L’ampio documento, strutturato in 16 punti, raccoglie la preoccupazione delle comunità cattoliche …

“Una RIIAL más humana que tecnológica”, Arzobispo Celli en Perú

Immagine
Más de 150 personas, en su mayoría extranjeros se hicieron presentes en el acto inaugural del XIII Encuentro Continental de la RIIAL, que se viene desarrollando en el Perú. Este importante encuentro cuenta con la asistencia de obispos, sacerdotes y miembros de la red.

El encuentro comenzó con el rezo de los laudes y seguidamente se llevó a cabo la sesión de apertura con las palabras de bienvenida de Mons. Fortunato Pablo Urcey, Secretario de la Conferencia Episcopal Peruana; y Mons. Ricardo García García, Presidente de la Comisión Episcopal Diálogo con la Sociedad.

La conferencia de la mañana estuvo a cargo de Mons. Claudio María Celli, Presidente del Consejo Pontificio para las Comunicaciones, quien abordó de manera profunda la auténtica dimensión de la comunicación al encuentro del hombre de hoy.
Su reflexión comenzó con la interrogante ¿Cómo habitar el continente digital? Asimismo, destacó cómo los Santos Padres, a través de la historia han visto con preocupación el tema de la comunic…

In difesa dei diritti della famiglia: respinto il progetto di legge

Immagine
PARAGUAY, Asunción (Agenzia Fides) – Con 21 voti contrari, per appello nominale, ieri pomeriggio i senatori del Paraguay hanno respinto il progetto di legge intitolato “contro ogni tipo di discriminazione”. I voti favorevoli sono stati 17, mentre uno si è astenuto e sei erano assenti. La nota inviata all’Agenzia Fides da una fonte locale riporta le motivazioni che hanno portato i senatori al voto contrario: "una legge di questo tipo porta sicuramente a una confusione totale nelle scuole e nel nostro sistema educativo" ha detto un senatore. Infatti nel momento in cui si inizia a parlare della struttura familiare composta non più da una coppia di padre e madre, uomo e donna, questo crea confusione. Anche ogni insegnamento nelle scuole (pubbliche e religiose) si potrebbe allora considerare “discriminatorio”, e ciò creerebbe ancora più confusione.
 Un altro senatore ha fatto notare che "l'applicazione e il controllo di questo tipo di legge darebbe troppi poteri alla Co…

Uccisa la prima donna sindaco di Yei: un atto contro la Chiesa e contro la pace

Immagine
SUD SUDAN, Juba (Agenzia Fides) - Forte condanna della Chiesa per il barbaro omicidio del primo sindaco donna di Yei, nel sud-ovest del Sud Sudan, Cecelia Oba Tito, il cui corpo è stato trovato, insieme a quello del suo capo di gabinetto, Emmanuel Lemi, il 9 novembre nei pressi di una casa in costruzione alla periferia della capitale, Juba. Mons. Zachariah Angutuwa Sebit, Vicario Generale della diocesi di Yei, ha affermato che il duplice omicidio è un atto contro la popolazione della Yei River County e, più in generale, contro la pace nel Sud Sudan.
 Secondo le informazioni pervenute all’Agenzia Fides, Mons. Sebit ha aggiunto che gli assassini dell’ex sindaco volevano colpire la Chiesa ed ha chiesto alle autorità di garantire la sicurezza dei cittadini. La signora Tito è stata un membro attivo della Chiesa in Sud Sudan, e si è battuta per promuovere i diritti delle donne nel suo Paese, in particolare l’accesso all’educazione.
 Dopo essere stata eletta deputato all’Assemblea Nazionale…

Blasfemia in Pakistan, i dati sulle vittime: chi le ripaga della sofferenza?

Immagine
PAKISTAN, Lahore (Agenzia Fides) – La legge sulla blasfemia continua a mietere vittime in Pakistan e le minoranze religiose sono le più vulnerabili. Secondo i dati raccolti dalla rete di Ong pakistane “Awaz-e-Haq Itehad” (AHI), e prevenuti all’Agenzia Fides, 1.438 persone sono state accusate di blasfemia tra il 1987 e l’ottobre 2014. Le minoranze religiose – che costituiscono nel complesso meno del 4% della popolazione pakistana – costituiscono il 50% degli accusati di blasfemia (501 ahmadi, 182 cristiani, 26 indù - 10 vittime di cui non è accertato il credo). A partire dal 1990, 60 persone che sono state uccise in via extragiudiziale in connessione con le accuse di blasfemia: 32 erano di gruppi delle minoranze religiose e 28 musulmani. Tra le 60 vittime, 20 sono state uccise dai poliziotti o mentre erano in custodia, 19 uccise in attacchi della folla.
 La provincia del Punjab è il luogo dove gli abusi sono maggiormente diffusi: qui si sono verificati 1.086 incidenti legati alla blas…

Medio Oriente, se anche i cristiani prendono le armi

Immagine
SIRIA, Medio Oriente, se anche i cristiani prendono le armi

Si infittiscono le segnalazioni di “milizie cristiane” coinvolte nei conflitti in atto. I capi delle Chiese fiutano il pericolo, e non concedono benedizioni

Le ultime segnalazioni arrivano dal Libano: già da agosto, gruppi di cristiani in parte legati al Movimento patriottico libero (Fpm, il Partito guidato dall'ex-generale maronita Michel Aoun)  — si sarebbero organizzati in pattuglie di auto-difesa, iniziando a ricevere armi dalle milizie sciite legate a Hezbollah. Per ora, il fenomeno appare limitato ai villaggi a est di Sidone e al nord della Valle della Bekaa, come Ras Baalbek. E a incentivarlo sono stati gli sconfinamenti in territorio libanesi delle bande jihadiste operanti in Siria. Secondo fonti locali contattate dalla stampa libanese, la scelta di portare sul terreno militare l’alleanza tra gli sciiti di Hezbollah e i militanti cristiani del Fpm è stata presa in incontri tra responsabili locali delle due fazion…

Nuova versione online, in inglese e spagnolo, del Catechismo della Chiesa Cattolica

Immagine
STATI UNITI, Washington (Agenzia Fides) – Una pubblicazione su internet con oltre 700 pagine, in inglese e in spagnolo, con un indice molto chiaro e un motore di ricerca per trovare velocemente qualsiasi parola: è quello che offre la Conferenza Episcopale degli Stati Uniti d’America (USCCB) nel suo sito. La nota inviata all’Agenzia Fides dalla USCCB informa che gli utenti possono navigare nelle pagine del Catechismo della Chiesa Cattolica, leggere, marcare le pagine e passare da un tema all'altro in pochi secondi, e perfino scrivere piccole note a fianco del testo. Un'ulteriore novità è data dalla possibilità che gli utenti hanno di condividere qualsiasi pagina sulle reti sociali come Facebook, Twitter e altre. Dal momento che questa è una versione del Catechismo preparata per l'uso dei cattolici adulti residenti negli Stati Uniti d'America, vengono offerti anche dettagli storici e altre annotazioni, sempre approvate dalla Santa Sede. (CE) (Agenzia Fides, 14/11/2014)

C…

Comunicato della Sala Stampa: Udienza al Presidente della Repubblica del Perù

Immagine
Testo in lingua italiana
Il Santo Padre Francesco ha ricevuto oggi in udienza, nel Palazzo Apostolico Vaticano, il Presidente della Repubblica del Perù, Sua Eccellenza il Sig. Ollanta Moisés Humala Tasso, il quale ha poi incontrato, in assenza del Cardinale Segretario di Stato, Sua Eccellenza Mons. Dominique Mamberti, Segretario per i Rapporti con gli Stati.
Nel corso dei cordiali colloqui sono state evocate le buone relazioni che intercorrono tra la Santa Sede e la Repubblica del Perù, soffermandosi in particolare sul ruolo peculiare del cristianesimo nella formazione dell’identità del Paese, come pure sul contributo che la Chiesa cattolica ha dato e continua ad assicurare in favore del progresso umano, sociale e culturale della popolazione.
Infine, c’è stato uno scambio di vedute sulla situazione politica e sociale della Regione, con attenzione agli sforzi volti a favorire lo sviluppo integrale e la tutela dell’ambiente.


Traduzione in lingua spagnola
El Santo Padre Francis…

Entrevista al Emmo. Sr. Cardenal Fernando Filoni Prefecto de la Congregación para la Evangelización de los Pueblos

Immagine
OMPE México: Con motivo de la celebración de la Jornada Mundial de las Misiones, las Obras Misionales Pontificio Episcopales de México, se dio a la tarea de entrevistar al Prefecto de la Congregación para la Evangelización de los Pueblos, organismo de la Iglesia Católica responsable de la propagación de la fe en todo el mundo y la coordinación de los esfuerzos misioneros, el Emmo. Sr. Cardenal Fernando Filoni, quien desde la Ciudad del Vaticano hace un llamado a todos los bautizados, a dejarse sumergir en la alegría del Evangelio. -¿Qué es la Jornada Mundial de las Misiones (DOMUND)? El DOMUND(Domingo Mundial de las Misiones) es un día especial para vivir de manera más intensa la expresión de fraternidad y solidaridad universal. Por ello, como actividad central, se realiza en todas las Diócesis, Parroquias e instituciones católicas, la colecta Mundial de las Misiones, sumándose a la ayuda fraterna que se da a las Iglesias más necesitadas del mundo. Durante octubre, el mes misionero, la …

Pakistan, alle radici dell’odio

Immagine
Pakistan, I santuari dell’istigazione alla violenza contro le minoranze religiose sono la scuola, le moschee, la politica

Non erano terroristi. Non erano talebani, nè membri di Al-qaeda. Le 400 persone che il 4 novembre scorso hanno linciato e bruciato vivi i coniugi cristiani Shahzad Masih e Shama Bibi erano persone normalissime, operai, braccianti e contadini musulmani dei villaggi del distretto  di Kasur, nella provincia del Punjab pakistano. Ma come può della gente comune, come possono padri di famiglia, giovani, cittadini modello, trasformarsi in aguzzini e compiere simili atti di barbarie?


Robert McCulloch, prete australiano, oggi Procuratore generale della congregazione di san Colombano, una diagnosi ce l’ha: «Il problema è l’odio religioso». McCulloch è un «pakistano d’adozione»: ha vissuto 34 anni in nel paese e ha ricevuto il prestigioso riconoscimento Nishan-e-Quaid-i-Azam, assegnatogli dal governo per l’instancabile servizio sociale, insieme a un regalo speciale: un visto…