Post

Visualizzazione dei post da 2014

“Contempla en el otro a Dios”

Immagine
Iglesia en Misión propone para este tiempo de Navidad “Contempla en el otro a Dios”. Nada más acertado que esta invitación a salir de nosotros para ir a descubrir a Dios en el otro, aunque no es menos elocuente el camino inverso: “Descubre en Dios al otro”. La vida de fe, que capacita al hombre para descubrir a Dios en el otro y al otro en Dios, conlleva la experiencia de caminar, salir de uno mismo y disponer el corazón abierto para acoger.

La celebración de la Navidad recuerda que, apenas se alejaron los ángeles de los pastores, estos se dijeron unos a otros: “Vamos allá, pongámonos en camino, pasemos a Belén y veamos al niño en manos de su madre”. De inmediato apresuraron el paso y marcharon a Belén, movidos por una santa curiosidad y animados por una enorme alegría, que no sabían cómo había entrado en su corazón.


De esta manera sencilla y misteriosa, fueron al encuentro del otro. Vivieron, apenas barruntaron la noticia, la “travesía” de salir de ellos mismos para ver en un pesebr…

"Cerca está el Señor de los que lo invocan"

Immagine
"Cerca está el Señor de los que lo invocan"

Jesús nació para manifestarse, para mostrar que Dios está con nosotros,
como lo expresa el profeta Isaías, para permanecer cerca de su pueblo, de su gente.
Celebrar la vida en familia, celebrar su estancia entre nosotros,
sentir su cercanía, palpar la alegría en la fe, esperanzados de un mañana mejor.
"Cerca está el Señor de los que lo invocan con sinceridad" nos enseña el salmista.
(Sal. 144,18)
El Señor está cerca.
Dejemos de lado las angustias y tristezas.

Feliz Navidad
y mejor año nuevo para todos.

OMP Argentina
http://www.ompargentina.org.ar/

De Uganda a la fosa en Chilapa, el viaje de Ssenyondo

Immagine
Capoteó el genocidio del dictador Idi Amin en los años 70, pero su cita con el martirio lo alcanzó en Guerrero, donde fue asesinado por 'Los Rojos' por haber osado rebelarse.

Chilapa, Guerrero


En África o México, al cura ugandés John Ssenyondo parecía que le esperaba una cita con una bala y el martirio. Al final, se encontró con ambas en la sierra de Guerrero, en donde vino a morir como lo habría hecho en Uganda: sin hincarse ante las armas de matones.

Hasta que pudo, Ssenyondo capoteó a la muerte. Primero en Uganda y luego al sur de México. Allá no solo sobrevivió al terror del genocidio que descendió sobre su país en el siglo pasado. Lo enfrentó activamente. En la década de los 70, cuentan quienes lo conocieron, retó al régimen del dictador Idi Amin, una decisión en sumo peligrosa. No huyó ni se ocultó mientras sus sicarios nubianos martirizaban a 400 mil personas, incluidos miles de sacerdotes, monjas y hasta un arzobispo. Luego superó el regreso al poder de Milton Obote y…

Appello del Vescovo caldeo di Beirut per i profughi cristiani iracheni

Immagine
LIBANO, Beirut (Agenzia Fides) - Sono più di ottocento le famiglie cristiane fuggite da Mosul e dalla Piana di Ninive che hanno trovato finora riparo in Iraq. La loro condizione è quella degli “ultimi arrivati” in un Paese già destabilizzato dall'arrivo di più di un milione di profughi siriani. La maggior parte di loro gravita nell'area di Beirut e ha trovato sostegno solo da parte della locale eparchia caldea. Mons. Michel Kassarji, Vescovo di Beirut dei Caldei, ha appena diffuso un comunicato per sollecitare aiuti in favore delle vittime cristiane della “macchina cieca dell'estremismo religioso” che le ha costrette ad abbandonare le proprie case e i propri villaggi. I profughi cristiani iracheni arrivati in Libano – riferisce il Vescovo caldeo - non hanno lo status dei richiedenti asilo, e vivono nella speranza di ottenere i permessi per emigrare nei Paesi occidentali. Non trovano lavoro, vengono sfruttati da chi approfitta della loro condizione di emergenza per rincarar…

“Costruire insieme un Paese più fraterno”: l’incoraggiamento dei Vescovi

Immagine
ARGENTINA, Buenos Aires (Agenzia Fides) – In un messaggio pubblicato in occasione del Natale, dal titolo "Pace in terra agli uomini", la Conferenza Episcopale Argentina esorta tutta la comunità nazionale a "costruire insieme un Paese più fraterno" e a rinnovare l'impegno per la pace, ricordando che questo dono è "sempre una sfida e un compito per tutti gli uomini e le donne di buona volontà". I Vescovi richiamano quindi l’attenzione: "ciò che mette a rischio la pace è radicato nel cuore dell'uomo ferito dal peccato" e le sue conseguenze si vedono "negli squilibri economici e sociali che richiedono un ordine mondiale più giusto; nel disprezzo della vita, che è il diritto fondamentale dell'individuo; nel reato del traffico di droga e nella tratta delle persone" tra gli altri mali.
"Natale è il ‘sì’ di Dio all'uomo per accompagnarlo a creare un mondo più umano, più giusto e più fraterno" sottolineano. Il messaggio…

Anche Cuba sarà presente al Vertice delle Americhe: un sogno diventa realtà

Immagine
PANAMA, Panama (Agenzia Fides) – Diversi comunicati sono pervenuti all’Agenzia Fides per commentare la storica decisione dei Governi degli Stati Uniti d’America e di Cuba di stabilire relazioni diplomatiche (vedi Fides 18/12/2014). Fra questi, una nota proveniente dal Panama riporta che il presidente del Panama, Juan Carlos Varela, accogliendo con favore la "nuova era" dei rapporti tra gli Stati Uniti e Cuba, ha sottolineato che questo permetterà di realizzare “il sogno” di avere una "regione unita" in occasione del settimo incontro "Cumbre de las Americas", che sarà ospitato dal suo paese nell’aprile 2015. Il Ministero degli Esteri panamense ha ribadito, il 18 dicembre, che "l'invito è stato inviato ai Capi di Stato e di governo della regione, in modo che, durante l'incontro, si possa realizzare un dialogo costruttivo con la partecipazione di tutti i paesi". Secondo la nota pervenuta a Fides, Cuba ha già confermato la sua partecipazione…

I leader cristiani: “Natale con il cuore pesante per le violenze contro le Chiese”

Immagine
INDIA, New Delhi (Agenzia Fides) – “In vista del Natale abbiamo il cuore pesante per gli episodi di violenza contro le nostre Chiese in varie parti del paese, specialmente in Chhattisgarh, Madhya Pradesh, Odisha, Uttar Pradesh e ora nel territorio della capitale Delhi. Lo sventramento della chiesa di San Sebastiano a Delhi, così come gli altri episodi di violenza mirata, rivelano il disprezzo non solo verso i sentimenti religiosi della nostra comunità, ma anche per le garanzie assicurate nella Costituzione indiana”. Lo affermano Vescovi e leader cristiani di tutte le confessioni in una nota diffusa a Delhi e inviata all’Agenzia Fides. Il comunicato è firmato, tra gli altri, da Sua Ecc. Mons. Anil Couto, Arcivescovo di Delhi, da altri Vescovi cattolici, ortodossi, protestanti, e da leader della società civile. “Questi atti di violenza – spiegano – non sono incidenti isolati. Fanno parte di una serie di azioni interconnesse da parte di vari attori non statali. Molti politici hanno chies…

Minacce islamiste contro la celebrazione del Natale; i leader musulmani: difendiamo le chiese insieme ai cristiani

Immagine
EGITTO, Il Cairo (Agenzia Fides) – In Egitto anche quest'anno, come in passato, in prossimità della celebrazione del Natale la rete internet diviene veicolo di attacchi e minacce nei confronti delle comunità cristiane locali. Siti islamisti richiamano i musulmani a esimersi da ogni forma di partecipazione, anche indiretta, alle feste cristiane, attaccando gli islamici che presentano felicitazioni e auguri ai propri vicini cristiani in occasione del Natale. Nella blogosfera islamista si trovano anche minacce di morte e istigazioni a organizzare attentati contro le chiese in occasione delle affollate celebrazioni liturgiche natalizie, con particolare riferimento alle comunità cristiane presenti nei governatorati di Minya, Alessandria e Fayyum, dove sono più forti i gruppi islamisti legati ai salafiti e alla Fratellanza Musulmana. La gravità delle minacce ha spinto stavolta autorevoli e riconosciuti rappresentanti del mondo accademico islamico a scendere in campo per denunciare e con…

Il Card. Turkson in Liberia e Sierra Leone: “La Chiesa in prima linea contro ebola”

Immagine
LIBERIA, Monrovia (Agenzia Fides) - “Abbiamo visitato tutte le diocesi e abbiamo incontrato i responsabili dei progetti di assistenza della Chiesa e delle organizzazioni internazionali per assistere le popolazioni colpite dal virus ebola” dice all’Agenzia Fides da Monrovia (Liberia), p. Robert J. Vitillo, delegato presso le Nazioni Unite a Ginevra per la Caritas Internationalis, che ha accompagnato il Card. Peter Kodwo Appiah Turkson, Presidente del Pontificio Consiglio della Giustizia e della Pace, nella sua visita in Sierra Leone e Liberia, due dei Paesi, insieme alla Guinea, più colpiti da ebola. “Abbiamo incontrato i Vescovi dei due Paesi e i responsabili delle Caritas nazionali e diocesane, e abbiamo constatato come la Chiesa sia molto impegnata nel rispondere all’emergenza rappresentata da ebola, specialmente nel mobilitare le persone educandole alla prevenzione. Le parrocchie hanno un ruolo importante nell’insegnare come impedire la diffusione del virus” sottolinea p. Vitillo.
“…

Da due mesi centomila bambini non vanno a scuola per le inondazioni

Immagine
MAROCCO, Rabat (Agenzia Fides) - Centomila bambini marocchini non vanno a scuola dal mese di novembre a causa delle gravi inondazioni e delle forti piogge che si sono abbattute nel sud del Marocco danneggiando gravemente ponti, strade e infrastrutture. Questa situazione ha costretto alla chiusura 622 scuole di diversi gradi nelle provincie del sud della catena dell’Atlas, zone desertiche e non abituate a tanta acqua. In totale hanno subito gravi danni 1.853 istituti scolastici, tra i quali 1.172 scuole primarie. Tra il 20 novembre e il 1 dicembre si sono registrati 47 morti e un numero imprecisato di scomparsi, a causa dei crolli verificatisi o che sono stati trascinati via dalle acque. (AP) (19/12/2014 Agenzia Fides)

CUBA - I Vescovi: “nuovi orizzonti di speranza illuminano la vita del popolo cubano”

Immagine
CUBA, L’Avana (Agenzia Fides) – “Abbiamo appreso le importanti dichiarazioni del Presidente di Cuba, Raul Castro, e del Presidente degli Stati Uniti, Barack Obama, che segnano una nuova tappa nelle relazioni tra i nostri due paesi. Ringraziamo il Signore, alla vigilia di Natale, in quanto nuovi orizzonti di speranza illuminano la vita del popolo cubano, perché le buone relazioni senza tensioni tra i popoli così vicini sono il fondamento di un futuro promettente”. Sono le parole del comunicato della Conferenza Episcopale di Cuba (COCC), pervenuto all’Agenzia Fides, che porta la data del 17 dicembre ed è firmato dal Segretariato generale della COCC, redatto dopo l’annuncio della ripresa delle relazioni diplomatiche tra Stati Uniti e Cuba.
“Esprimiamo una gratitudine speciale a Papa Francesco, che entrambi i Capi di stato hanno riconosciuto come un importante mediatore di un desiderio che ora si avvera. Ci auguriamo che la volontà espressa dai Presidenti contribuisca al benessere mater…

"Me ha encantado repartir felicidad por las calles de Ourense"

Immagine
Martín Lage Fernández, de 11 años, participante en "Sembradores de Estrellas: "Me ha encantado repartir felicidad por las calles de Ourense"

Un año más, los niños de las diócesis españolas saldrán a las calles a felicitar la Navidad de parte de los misioneros, y a poner estrellas adhesivas en los abrigos de los transeúntes. Es la actividad conocida como "Sembradores de Estrellas". En contraste con el consumismo de estas fechas, desde 1977, "Sembradores de Estrellas" educa a los niños en la solidaridad y en el agradecimiento. Los niños de Ourense, Tarragona y Coria-Cáceres han sido los primeros en empezar esta actividad, que se desarrollará en diversos lugares de España hasta el día de Nochebuena. 17/12/2014 Siete millones y medio de estrellas adhesivas se han distribuido desde la Dirección Nacional de Obras Misionales Pontificias (OMP) a todas las diócesis españolas. Está previsto que miles de niños participen en esta actividad, que comienza…

Premio ¡Bravo! de Publicidad a Obras Misionales Pontificias de España

Immagine
Con la concesión de estos Premios ¡Bravo!se reconoce,por parte de la Iglesia, la labor meritoria de todos aquellos profesionales de la comunicación en los diversos medios, que se hayan distinguido por el servicio a la dignidad del hombre, los derechos humanos y los valores evangélicos” (Normas, art. 2).
El Jurado designado por la Comisión Episcopal de Medios de Comunicación Social (CEMCS) y constituido en Madrid el 9 de diciembre de 2014 ha otorgado los "Premios ¡Bravo!" que concede anualmente la CEMCS, con el fin de “reconocer, por parte de la Iglesia, la labor meritoria de todos aquellos profesionales de la comunicación en los diversos medios, que se hayan distinguido por el servicio a la dignidad del hombre, los derechos humanos y los valores evangélicos” (Normas, art. 2).
El jurado ha decidido conceder los siguientes Premios:
PREMIO ¡BRAVO! ESPECIAL:  Mons. Enrique Planas
PREMIO ¡BRAVO! DE PRENSA:  Juan Lara, excorresponsal de la Agencia EFE en El Vaticano …

Mallorca y Pachacámac, Perú, unidos por la misión y por la educación

Immagine
OMPRESS-PALMA DE MALLORCA (16-12-14) - El 28 de noviembre pasado partían en viaje misionero, el señor obispo de Mallorca, Mons. Javier Salinas, la delegada de misiones de la diócesis balear, Caty Alberti, y Juan Ramón, responsable de los colegios diocesanos mallorquines. El destino de este viaje, Pachacámac, en Perú, donde han estado ocho días, y Santo Domingo, en Ecuador. La parroquia del Santísimo Salvador de Pachacámac está a cargo del párroco Eugenio García, sacerdote misionero mallorquín, que ha contado durante los últimos siete meses con la ayuda y el apoyo del seglar Juan Ramón Pose. La parroquia es mucho más que solo la Iglesia, tiene un dispensario, un comedor parroquial y una escuela parroquial con nada menos que 500 niños. De hecho, uno de los puntos centrales de esta visita era conocer el desarrollo de este colegio parroquial, vinculado con los colegios diocesanos de Mallorca por numerosas campañas de apoyo que se realizan durante todo el año. Juan Ramón, como …

Sono protestanti, ma sono buone

Immagine
Udienza alla Delegazione dell’Esercito della Salvezza (12 dicembre 2014)

Ieri mattina, nel corso dell’incontro con una Delegazione di dirigenti dell’Esercito della Salvezza, il Santo Padre Francesco ha pronunciato il discorso che riportiamo di seguito:

Discorso del Santo Padre
Cari amici,
rivolgo il mio cordiale benvenuto a voi, dirigenti dell’Esercito della Salvezza, che conosco bene per la sua missione di evangelizzazione e di volontariato. La vostra visita è uno dei buoni frutti dei contatti più frequenti e proficui che si sono sviluppati negli anni recenti tra l’Esercito della Salvezza e il Pontificio Consiglio per la promozione dell’Unità dei Cristiani; contatti tra i quali va ricordata una serie di conversazioni teologiche volte a promuovere una migliore conoscenza reciproca, il mutuo rispetto ed una regolare collaborazione. E ringrazio un’altra volta per questo libro delle conversazioni. Mi auguro di cuore che cattolici e salvazionisti continuino a rendere una testimonianza c…

No esclavos, sino hermanos

Immagine
1. Al comienzo de un nuevo año, que recibimos como una gracia y un don de Dios a la humanidad, deseo dirigir a cada hombre y mujer, así como a los pueblos y naciones del mundo, a los jefes de Estado y de Gobierno, y a los líderes de las diferentes religiones, mis mejores deseos de paz, que acompaño con mis oraciones por el fin de las guerras, los conflictos y los muchos de sufrimientos causados por el hombre o por antiguas y nuevas epidemias, así como por los devastadores efectos de los desastres naturales. Rezo de modo especial para que, respondiendo a nuestra común vocación de colaborar con Dios y con todos los hombres de buena voluntad en la promoción de la concordia y la paz en el mundo, resistamos a la tentación de comportarnos de un modo indigno de nuestra humanidad.
En el mensaje para el 1 de enero pasado, señalé que del «deseo de una vida plena… forma parte un anhelo indeleble de fraternidad, que nos invita a la comunión con los otros, en los que encontramos no enemigos o con…

Pakistan. Blasfemia e cristiani schiavi, Italia interviene

Immagine
Le minoranze religiose in Pakistan, per lo più cristiane, sono schiavizzate nelle fornaci di mattoni e sono vittime dell’abuso della legge anti-blasfemia. Per denunciare questa realtà e portarla all’attenzione della comunità internazionale, prima che termini il semestre di presidenza italiana in Europa, oggi un gruppo di parlamentari di Pd, Udc, Scelta civica e Lega nord si è impegnato con la firma di una mozione speciale sulla libertà religiosa. L’iniziativa è promossa dall’Associazione Pakistani Cristiani in Italia in collaborazione con l'on. Luigi Bobba, sottosegretario al Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali.

Gli ultimi schiavi cristiani preseguitati in Pakitsan che l’opinione pubblica ha conosciuto sono stati Shama e Shahzad Masih, sposi arsi vivi nella fornace della fabbrica di mattoni, dove lavoravano in condizioni disumane, da una folla di musulmani, con l’accusa di blasfemia. E’ l’ennesima esecuzione sommaria, l’ennesima facile formulazione di un’accusa senza pr…

Piden al Gobierno italiano que inste a la UE a proteger minorías cristianas

Immagine
Roma, EFE Políticos, académicos y la Asociación Paquistaní de Cristianos en Italia pidieron hoy a Italia que, como presidente de turno de la Unión Europea (UE), inste a proteger a las minorías religiosas y en concreto a los cristianos.
Los participantes en el encuentro, convocado por la Asociación Paquistaní de Cristianos en Italia y organizado en una sala de la Cámara de Diputados, promovieron una "moción por la libertad religiosa", destinada a respetar los derechos humanos.
En el acto, el subsecretario del ministerio de Trabajo, Luigi Bobba, subrayó que, como miembro del Gobierno italiano, "alzará la voz" para sensibilizar "al Parlamento Europeo a tomar iniciativas" para atajar el problema y "no sea indiferente" ante violaciones de los derechos humanos.
Entre otros, apoyaron también la moción el rector de la Universidad Lateranense, monseñor Enrico dal Covolo; la senadora de Unión de Cristianos Democráticos y de Centro Paola Binetti; el sen…